Press "Enter" to skip to content

Ibrhaim Abouleish

Ibrhaim Abouleish ha passato la soglia della morte. Promettente ricercatore aveva lasciato l’Università di Vienna col sogno di guarire il deserto egiziano con la biodinamica.

Seguì i nostri corsi alla Zelata di Bereguardo e gli si dava di matto. Negli anni ha costruito una comunità agricola, Sekem, su oltre 20mila ettari oggi biodinamici e strappati al deserto egiziano, dando lavoro a 12mila persone in quelle aree, insieme a istruzione e sanità. Ha ricevuto altissimi riconoscimenti. Quando lo invitammo al nostro convegno di Biodinamica alla Bocconi fece scalpore. Iniziarono gli attacchi di certe forze retrive contro la biodinamica. Quando a maggio 2016 scrissi di lui sull’Osservatore Romano e a gennaio ancora lanciai un allarme sulla connessione tra cambiamenti climatici, migrazioni e instabilità e ricordai la possibilità di contrastare la desertificazione anche grazie all’agricoltura biodinamica, fui pesantemente attaccato e con me la biodinamica e chi mi permetteva di esprimermi. Il 17 giugno, la giornata mondiale contro la desertificazione, mentre Ibrhaim va a guardare nel mondo spirituale che da musulmano conosce, il Joint Research Centre della Commissione Europea conferma l’aumentata instabilità e la connessione tra cambiamenti climatici e conflitti. Noi sappiamo che possiamo portare fertilità e pace con una buona agricoltura. Probabilmente lo sanno anche i nostri antagonisti.

Moltiplicare realtà come Sekem vale mille attacchi.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *